Leggi della procrastinazione

La procrastinazione riduce il lavoro e sposta la responsabilità del suo completamento su qualcun altro (chiunque abbia fissato la scadenza).
Riduce l'ansia riducendo la qualità richiesta dal meglio assoluto al meglio relativo al poco tempo a disposizione.
Fa guadagnare importanza agli occhi altrui e propri, perché si tende a spiegare lo stress con l'importanza del lavoro.
Comporta l'eliminazione di qualsiasi interruzione, altri lavori compresi, per consentire al lavoratore così ovviamente stressato la massima concentrazione.
La procrastinazione elimina la noia: non si ha mai l'impressione di non avere niente da fare.
Può anche eliminare il lavoro se la necessità termina prima che possa essere svolto.
Anonimo
Vota la legge di murphy: Commenta
    Scritta da: L'auretta XXX

    Decalogo di Spark per il giovane manager

    Cerca di sembrare terribilmente importante.
    Fatti sempre vedere con la gente che conta.
    Parla con autorità, ma soltanto di fatti ovvi e comprovati.
    Non entrare mai in discussioni; se ci sei dentro, poni una domanda irrilevante, appoggiati allo schienale della poltrona con un ghigno soddisfatto e, mentre gli altri cercano di capire cosa sta succedendo, cambia argomento.
    Ascolta attentamente mentre gli altri discutono. Poi seppelliscili con una frase fatta.
    Se un subordinato ti rivolge una domanda pertinente, guardalo come se avesse perso il senno. Quando lui ha preso un'aria mortificata, fagli la stessa domanda con altre parole.
    Ottieni un incarico di prestigio, poi cercati un posto all'ombra.
    Cammina sempre a gran velocità quando sei fuori del tuo ufficio: eviterai un gran numero di domande sia dai subordinati sia dai superiori.
    Tieni sempre la porta del tuo ufficio chiusa. Questo metterà i visitatori sulla difensiva e darà l'impressione che sei sempre in riunione.
    Non dare mai ordini per iscritto.
    Anonimo
    Vota la legge di murphy: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di